SEI IN > VIVERE BELLUNO > CULTURA
articolo

Gli albori del servizio postale pubblico nel bellunese: mostra e annullo filatelico

3' di lettura
452

Belluno. Per la “città splendente” si accendono i riflettori sul passato postale di questo territorio. Grazie all’intraprendenza del sodalizio locale “Collezionismo Filatelia Numismatica Belluno” guidato dalla presidentessa Manuela Filippin e del suo socio Marco De Biasi che ne ha curato ogni aspetto storico, rivive presso il Palazzo delle Poste Centrali in Piazza Castello l’epopea della comunicazione postale tra il Quattrocento ed il Settecento. Un ottimo inizio di celebrazioni per l’Associazione filatelica locale, che proprio quest’anno compie 60 anni di vita.

La mostra

Si tratta di una ricca e rarissima raccolta di documenti, lettere originali spedite dal Bellunese, Feltrino e Cadorino dal 1481 al 1796, accompagnate da pagine d’archivio che permetteranno al visitatore di fare un vero e proprio salto nella storia, nei costumi, nei traffici che hanno caratterizzato questo territorio ricco di attività e di commercio. Quella che si inaugurerà sabato prossimo sarà dunque una raccolta inedita, frutto di anni di certosina ricerca di Marco De Biasi, che viene esposta per la prima volta a Belluno. L’inaugurazione ufficiale sarà alle ore 11,30 mentre la mostra potrà essere visitata fino al 4 maggio negli orari di apertura dell’Ufficio (lunedi-venerdi 8,20-19,05 sabato 8,20-12,35).

L’annullo filatelico

Immagine che contiene schizzo, disegno, clipart, simbolo

Descrizione generata automaticamenteCon la collaborazione di Poste Italiane, il giorno 20 aprile, “Collezionismo Filatelia Numismatica Belluno” ha chiesto l'attivazione, sempre presso la sede delle Poste Centrali in Piazza Castello, di un servizio temporaneo e sarà predisposto uno speciale annullo filatelico. In formato tondo, riproduce un corriere postale a cavallo ed è completato dalla scritta “Gli albori del servizio postale pubblico nel bellunese feltrino e cadorino tra il ‘400 ed il ‘700 – mostra filatelica – 20.4.2024 – 32100 Belluno Castello”. Il servizio sarà attivo dalle ore 9,00 alle ore 12,00 mentre l’annullo sarà poi disponibile sempre l’Ufficio Postale di Belluno Castello – sportello filatelico – per i successivi 60 giorni, al termine dei quali verrà depositato presso il Museo Storico della Comunicazione di Roma.

E' stata realizzata anche una speciale cartolina postale che, insieme all’annullo, permetterà di creare un prezioso documento storico documentale di questo appuntamento bellunese.

Immagine che contiene testo, schermata

Descrizione generata automaticamente

Marco De Biasi così racconta questa prima storica esposizione bellunese:

Immagine che contiene persona, Viso umano, sorriso, Fronte

Descrizione generata automaticamente

“Sono felice di poter illustrare la nascita del servizio postale pubblico nei tre territori che in seguito formeranno la Provincia di Belluno perché si trattava, fino a pochi decenni fa, dell’unico modo per scambiare le notizie in modo veloce e sicuro. Finalmente, dopo molti anni sia di collezionismo (non solo mio ma di chi mi ha preceduto) che di ricerche in vari archivi, ho ottenuto un quadro generale molto interessante ed ho potuto iniziare a pensare a un’esposizione, concretizzata pochi mesi fa. Si tratta – continua De Biasi -di un insieme di una cinquantina di lettere irripetibile. Mentre tengo in mano la lettera da Feltre a Padova del 1481, penso che Leonardo da Vinci stesse dipingendo l’Adorazione dei Magi e Cristoforo Colombo si era sposato da due anni”.

Dalle parole di De Biasi emerge non solo la passione ma anche l’emozione che accompagna ogni singolo documento di questa poderosa raccolta. La storia postale del passato è stato uno dei caposaldi della civiltà e della democrazia dei nostri antenati. Rileggere e poter quasi toccare con mano quanto i nostri avi seppero trasmettere con grafie forse oggi quasi incomprensibili ma che all’epoca illustravano sentimenti, aspettative, decisioni economiche, fatiche del quotidiano vivere e produrre, è un’opportunità da non lasciarsi sfuggire. Poterla poi “immortalare” con una cartolina d’epoca ed un’impronta che ne certifichi il momento diventa un ulteriore oggetto da collezione che si tramanda già nella storia futura, con la consapevolezza di aver potuto immergersi in epoche lontane ma ampiamente documentate da questa emozionante mostra.





Questo è un articolo pubblicato il 18-04-2024 alle 19:21 sul giornale del 18 aprile 2024 - 452 letture






qrcode