SEI IN > VIVERE BELLUNO > CRONACA
articolo

Sequestrati 672 prodotti elettronici non sicuri

2' di lettura
24

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Belluno prosegue i controlli presso gli esercizi commerciali della provincia, al fine di contrastare la vendita di prodotti non sicuri e potenzialmente pericolosi per la salute.

Nell'ambito dei suddetti interventi le Fiamme Gialle, dopo mirati sopralluoghi e anche sulla scorta di segnalazioni pervenute da altri Reparti del Corpo, hanno individuato un esercizio commerciale in Belluno dove risultavano in vendita prodotti elettronici (cuffie e auricolari wireless, bluetooth e cablati), privi delle indicazioni minime da riportare sui prodotti o le confezioni destinate al consumatore e commercializzate sul territorio nazionale. Sono stati così sottoposti a sequestro amministrativo 672 prodotti non conformi agli standard di sicurezza previsti dalla normativa vigente – per un controvalore commerciale complessivo pari ad € 16.900 -, segnalando alla competente Camera di Commercio un soggetto di nazionalità italiana, che ora rischia una sanzione prevista da un minimo di 516 euro a un massimo di 25.823 euro.

La condotta illecita afferisce alla violazione dell’obbligo, previsto dal Codice del Consumo, che i prodotti commercializzati riportino in maniera visibile e leggibile, in lingua italiana, la denominazione, i dati del produttore e dell’importatore, il Paese d’origine, i materiali impiegati e le istruzioni d’uso. È importante ricordare che l’apposizione di tali diciture garantisce al consumatore finale la consapevolezza della qualità del prodotto che sta per acquistare e, soprattutto, il suo utilizzo in piena sicurezza. Il risultato in rassegna è il frutto di un’attenta e mirata azione di prevenzione e contrasto, attuata attraverso un dispositivo dinamico, flessibile e coordinato che prevede, a livello provinciale, il coinvolgimento dei Reparti dipendenti, impegnati nello sfruttare il patrimonio informativo reso disponibile dalla Componente Speciale del Corpo e/o acquisito autonomamente nell’ambito del diuturno controllo economico del territorio.

La Guardia di finanza tutela il mercato dei beni e servizi dalla diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza previsti dalla normativa dell’Unione Europea e nazionale, affinché gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni eque di concorrenza, promuovendo, al contempo, una protezione efficace dei consumatori.



Questo è un articolo pubblicato il 23-02-2024 alle 11:32 sul giornale del 24 febbraio 2024 - 24 letture






qrcode